Intervista a me stesso

Quella qui sotto è un auto-intervista dove me la canto e me la suono. È un’introduzione, un primo passo di danza, un accenno a quella che sarà la tesi che nei prossimi tempi svilupperò. Per farvi e per farmi un’idea, buona lettura.

Corpi ri-mediati… che roba è questa?

È il titolo della tesi di laurea che sto sviluppando. Il titolo richiama una lunga e approfondita riflessione di Jay David Bolter sul concetto di rimediazione applicata ai media. Rimediare allora non assume, in questo caso, solo il significato di porre rimedio a qualcosa o qualcuno, ma di mediare nuovamente qualcosa o qualcuno.

Ok, ma Bolter parla di media. Cosa c’entrano i corpi?

Bolter discute nel suo saggio anche di corpi. In sostanza: reputa il corpo in quanto tale un media capace di comunicare e, soprattutto, di rimediarsi secondo la logica da lui descritta. Da questa considerazione cercherò di allargare il campo ad altre tematiche ponendo il corpo sempre al centro delle mie riflessioni. Se ci pensi ce ne sono di argomenti da affrontare quando parliamo del corpo.

E sarebbero?

Posso dirti che l’idea di scrivere una tesi sul corpo e le sue rimediazioni è nata dopo aver visto una decina di volte questo video. Un gruppo di artisti-informatici (meglio etichettati come smanettoni) ha realizzato un dispositivo (EyeWriter) capace di interpretare i movimenti della pupilla permettendo di disegnare su di uno schermo. Il progetto (open source) mi ha colpito molto. Pensavo a come l’occhio, sempre inteso per osservare e per apprezzare una fotografia, un dipinto, un disegno, in questo caso attraverso l’utilizzo di una webcam, dei led e un software diventasse autore dell’immagine stessa. Disegnare con gli occhi mi sembra una vera e propria rimediazione del media ‘occhio’. Affascinante, no?

Per quello che ho capito sì. Di che altro parli nella tua tesi?

Beh, il corpo può essere inteso nella rimediazione dell’arte, del cinema, del web, del videogame, del fumetto, della scrittura. Mi piacerebbe poter osservare tutti questi argomenti con la lente della rimediazione e i risultati si profilano davvero interessanti. Anche perché andremo subito a scontrarci con una dicotomia da sempre al centro della scena.

Che roba è?

La separazione tra corpo e tecnologia, tra naturale e artificiale, tra organico ed inorganico. Non solo, se poi ci si spinge più a fondo troviamo la divisione tra natura e cultura, mente e corpo. In soldoni, parlare del corpo rimediato, e quindi proiettarlo in una logica di continuo cambiamento per via di elementi all’apparenza esterni, comporta una riflessione su un bel po’ di altre questioni strettamente connesse. C’è da scavare parecchio prima di raggiungere una forma abbastanza nitida del concetto.

Ne parli ancora a livello a generale. Idee non troppo chiare?

Dici bene. Non a caso ho aperto questo spazio in rete. Questa volta (si tratta di laurea magistrale) mi piacerebbe affrontare tutto il percorso che porta al compimento di una tesi in uno spazio dove si possa condividere ed interagire. Se ci sono altre voci, altre teste a riflettere insieme a me, magari riesco a trovare più energie per quello che voglio realizzare. Non solo, scrivere, mettere nero su bianco, mi permette di organizzarmi le idee con più facilità. A volte riesco a focalizzare un pensiero che mi ronza in testa soltanto con la scrittura. Scrivere su un blog (cosa che faccio da tanto tempo), può essere un valido aiuto.

In questo momento a che punto sei?

Adesso mi trovo nella fase di ricerca e di lettura. È un po’ come andare a caccia. Leggendo, esplorando e assaporando riesco a farmi un’idea più chiara; ancor di più: di solito in questa fase nascono nuove idee e alcune di queste ogni tanto tendono ad sostituire quelle che c’erano prima. Ciò inizialmente ti lascia disorientato perché crolla parte di quello che stai costruendo. Poi ci pensi bene, trovi nuove idee proprio dalla cause del crollo. Fa parte del gioco. Un bel gioco.

Annunci

Informazioni su andreapatassini

Andrea Patassini detto Patassa si occupa di tecnologie per l'apprendimento, e-learning, coding e pensiero computazionale. Appassionato di fumetti (in tutte le salse), deve capire come far entrare in libreria tutti i numeri del Topo.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Intervista a me stesso

  1. Lorenzo ha detto:

    ti seguirò anche su questo “spin-off” del tuo blog e quindi, prima di iniziare: in bocca al lupo! 🙂
    domandona: sono diventato scemo io o i feed rss non ci sono? Spero la prima che ho detto. :S

  2. Marco ha detto:

    Ciao Patassa,

    Bella idea quella di tener traccia di un continuo brainstorming qui. E’ un argomento interessante e ti faccio i miei migliori auguri per il tuo lavoro. Mi piacerebbe aiutarti ma non ne so molto… però pensandoci un attimo mi è venuto in mente qualcosa 🙂

    Se si parla di tecnologia e di come cambiano le nostre percezioni (e corpi?) esistono posizioni culturali “strane” ma affascinanti:

    http://www.transumanisti.it/

    Forse loro ne fanno discorsi un po’ troppo estesi, ma hanno una buona rassegna stampa/bibliografia per orientarsi su come la tecnologia interagisca profondamente sulla nostra vita (a volte con risvolti quasi sci-fi). Magari può uscirne fuori qualche connessione valida 🙂

    Un saluto,

    Marco

  3. Marco ha detto:

    Ah, dimenticavo, complimenti per l’img d’apertura, vero postmodern capolavoro! ;-D

  4. Marco ha detto:

    Ok, sempre io, giuro che la smetto D:

    Ho il cervelletto a carbone oggi e mi ricordo le cose a salti. Ti segnalo un paio di notizie (magari sono solo appena tangenti ai temi che vuoi trattare, ma possono offrire spunti per ricerca e conversazione:

    Immortalità virtuale: un avatar per interagire con i nostri pronipoti. http://www.downloadblog.it/post/13236/immortalita-virtuale-un-avatar-per-interagire-con-i-nostri-pronipoti

    IBM brevetta un software per prevedere catastrofi naturali
    http://www.downloadblog.it/post/13250/ibm-brevetta-un-software-per-prevedere-catastrofi-naturali

    Poi qui ti passo un altro link più per informazione tecnica (http://www.downloadblog.it/post/13251/entro-lanno-sara-possibile-connettere-tra-loro-i-dispositivi-con-wi-fi)

    Per chiudere, un bonus solo per curiosità: http://www.downloadblog.it/post/13245/padre-e-figlio-lanciano-un-iphone-nello-spazio-per-vedere-la-curvatura-della-terra

    Ok, ok, basta 😛

  5. patassa ha detto:

    Grazie Marco! Wow, il tuo è un super intervento, grande stima e inchino. 🙂 Sto pensando di aprire un delicious e metterci su i link che trovo interessanti, nonché le segnalazioni, come le tue, che mi arrivano. Ora mi spulcio tutto. Grazie un sacco!

    Hai ragione Lorenzo, adesso ho attivato gli RSS. Dovresti trovarli. La prossima settimana torno a scrivere visto che sto portando a termine letture davvero fiche. Poi vi dico. 😉

  6. Pingback: Rimediazione cosa? | Corpi ri-mediati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...